Home Approfondimenti Culturali “Adorazione dei Magi nella natività”

“Adorazione dei Magi nella natività”

di snanis

In questo semplice cartoncino natalizio degli anni Trenta, la signora Armida invia gli auguri per il Santo Natale alla signora Chiara, una dottoressa, forse sua amica. Scritta il 23 dicembre 1939 e spedita sicuramente il giorno dopo, la cartolina è stata presa in carico tra le ore 3,00 e le ore 4,00 del 25 dicembre 1939, come evidenziato dalla timbratura dell’ufficio postale della stazione ferroviaria di Venezia. Indiscutibilmente, la lavorazione di questa cartolina nel giorno di Natale, ci fa capire quanto fosse efficiente il servizio postale in quel determinato periodo storico. Pensate che addirittura, agli inizi delRegno d’Italia, gli uffici postali erano operativi anche a Natale, Capodanno, Pasqua e ancora per la prima metà del Novecento l’apertura domenicale era di rigore almeno in un ufficio.  E’ piacevole distrarsi di tanto in tanto, parlando anche di storia postale. In realtà, attraverso le cartoline e le lettere del passato, possiamo ricostruire lospaccato sociale di un frammento di storia irripetibile. La documentazione postale può far rivivere momenti in cui magari nel mondo, si “faceva” la storia. Ora però vediamo cosa offre la descrizione di questo bel disegno che riproduce l’adorazione dei Magi per la nascita del bambino Gesù a Betlemme. Nella grotta, custode di ricchezza e di tesori, ammiriamo il Bambino Divino nella mangiatoia (praesepium” in tardo latino, da qui l’origine del nome presepio), accanto ci sono Maria di Nazareth, con il suo mantello celeste, simbolo di purezza e San Giuseppe, simbolo di umiltà e virtù matrimoniale. Vicini alla culla, il bue e l’asino, assumono il significato di antico e di nuovo e con il loro fiato scaldano il bambinello nella fredda notte di Natale.

I tre saggi astrologi, venuti dall’Oriente, Baldassarre Re dell’India, Gaspare Re dell’Arabia e Melchiorre Re della Persia, rappresentanti dei popoli della terra, dopo aver visto sorgere la “stella cometa”, simbolo di cambiamento, sono arrivati a Betlemme, portando i doni per la nascita: oro, simbolo di luce, emblema del sole, dono riservato ai Re e alle divinità solari, incenso, testimonianza di adorazione e collegamento con il cielo e quindi con il divino e mirra, simbolo della duplice natura di Gesù.                                                                                                                                   In lontananza, scorgiamo alcuni cammelli, simbolo di sobrietà e di obbedienza e un pastore che, al riparo di una palma, pianta che rappresenta l’albero della vita, riceve la notizia della nascita di Gesù bambino.                                                                                                                                                                                                            E’ vero, nella rappresentazione non sono presenti molti personaggi del presepe, ma la scena dell’adorazione dei Magi nella natività descrive semprequell’atmosfera divina, che scalda il cuore di chi la osserva e nella semplicità di un                                disegno incantevole è possibile percepire il miracolo e la poesia del “Tempo di Natale”. Con speranza sempre nuova, colgo l’occasione di augurare a tutti i lettori un sereno Natale e un meraviglioso Anno Nuovo … ancora insieme!

                                                                                                                            Franco Minchella                

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: