Home Approfondimenti Culturali Dimissioni dal PD e adesione a “Italia Viva”

Dimissioni dal PD e adesione a “Italia Viva”

di snanis


Cari democratici, con la presente lettera intendo comunicarVi, formalmente, la mia decisione di aderire, con entusiasmo, al nuovo partito politico “Italia Viva”; pertanto lascio il Partito Democratico dimettendomi da tutti gli incarichi ad oggi ricoperti vale a dire la Segreteria del circolo di Rocca di Papa e il ruolo di membro della assemblea provinciale del partito.

La mia scelta è frutto di una lunga riflessione nella quale hanno avuto un peso determinante le scelte ed il modus operandi della nuova Segreteria Nazionale del partito che, di fatto, ha sancito il fallimento politico e ideale dell’esperienza iniziata nel 2007, colsuperamento dei DS e de LA MARGHERITA, nella quale avevo fermamente creduto fin dalla fondazione.

Non vi nascondo che ho ritenuto un grave errore strategico quello di coinvolgere, nella mozione congressuale, parte del vecchio gruppo dirigente che ha lavorato ad affossare il PD alle elezioni del 4 Marzo 2018.

Negli anni passati, da una parte vi è stato chi ha cercato di costruire davvero il PD, un partito nuovo della rivoluzione democratica, dall’altra chi resisteva al cambiamento, combattendo contro il disegno innovatore che scombinava i piani di chi voleva,a tutti i costi, continuare a gestire la “vecchia” politica attraverso un nuovo partito.

Il risultato è sotto gli occhi di tutti: un partito dilaniato da divisioni, correnti, veti e ripicche personali nel quale, mi piange il cuore dirlo, non mi riconosco più.

Ho deciso di aderire a questo progetto politico lanciato da Matteo Renzi perché credo con fermezza che nel nostro Paese si possa finalmente costruire una nuova “casa” dove si possa riallacciare il dialogo con la società civile, con i delusi, gli astenuti, gli indignati e gli esclusi.

Voglio contribuire a costruire un partito progressista e riformista dove apportare la mia esperienza politica che nasce, orgogliosamente, dalle giovanili del Partito Socialista Italiano, per poi passare, dopo la scomparsa del PSI, per l’esperienza entusiasmante con La Margherita.

Sogno un partito al cui interno ci sia una voce comune ed una linea politica univoca.

Credo che Italia Viva sia un positivo e coraggioso tentativo di sostenere lo sforzo del campo riformista e progressista, plurale ed inclusivo; sensibile alle diverse esigenze dei territori e aperto al civismo.

Sono onorato per aver rappresentato in questi anni il Partito Democratico e sono certo di aver dato sempre il massimo nel mio impegno politico e di rappresentanza.

Per questi motivi e con la voglia di continuare a svolgere la mia attività politica con entusiasmo nel nuovo partito “Italia Viva” dichiaro le mie dimissioni dal PD.

Colgo l’occasione per ringraziare tutti i democratici, in maniera particolare, tutti coloro che hanno collaborato con me in questi anni per far crescere il partito a Rocca di Papa. Una menzione speciale va al segretario provinciale Rocco Maugliani per la stima che mi ha sempre dimostrato e per il valido sostegno quando, ai primi tempi della mia segreteria, fui fatto oggetto di vili attacchi personali che di politico avevano ben poco.

Un caro saluto.

Massimo Litta

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: