Home Approfondimenti Culturali FRASCATI: GENITORI FURIOSI SUL CASO MENSE SCOLASTICHE. CAOS CON I DIRIGENTI SCOLASTICI

FRASCATI: GENITORI FURIOSI SUL CASO MENSE SCOLASTICHE. CAOS CON I DIRIGENTI SCOLASTICI

di snanis

 

argomentiSicuramente è una tematica delicata ed attuale quella delle mense scolastiche nella città di Frascati.

Una tematica dove un intero Consiglio Comunale ad unanimità diede un indirizzo politico ben preciso, riguardo il famoso ritorno con il ” cestello ” da casa, per andare incontro alle famiglie frascatane sempre più in difficoltà, soprattutto dopo la crisi Covid.

Ad oggi molte famiglie sono costrette a pagare circa € 5 giornaliere per i pasti dei propri figli, dal Lunedì al Sabato , un mensile di circa € 100,00.

Chi ha due figli, si trova a pagare circa € 200,00.

Molti genitori sono furiosi in quanto i Dirigenti Scolastici, sembrano non voler prendere in considerazione tale proposta.

Da parte della Dirigente del II comprensorio, già dal 7 Gennaio potrebbe partire il servizio con cestello da casa.

Proposta discussa e votata presso il Collegio.

Riguardo il I comprensorio, ad oggi tale proposta sembra non essere presa in considerazione dal Dirigente Scolastico.

Genitori furiosi, in quanto ritengono che i Dirigenti Scolastici non hanno a cuore le sorti economiche delle famiglie.

Critiche condivisibili da parte dei genitori e soprattutto con 1.300.000 € di morosità sul caso mense Scolastiche, in quanto negli anni molti scandali hanno portato a tale somma.

Ad oggi il Comune di Frascati e la comunità, pagano nei confronti della Società erogatrice del servizio ed i Dirigenti, osservano la burocrazia, non rendendosi conto delle difficoltà economiche.

Se i due Dirigenti Scolastici, avessero dovuto pagare il servizio, sarebbero stati favorevoli al ritorno con il cestello da casa?

Le morosità aumentano, la città di Frascati si trova a pagare tali somme ed i Dirigenti preferiscono glissare sulla tematica dietro i cavilli burocratici.

Genitori sempre più furiosi ed il Sindaco Roberto Mastrosanti, continua a non intervenire.

www.argomentilavocedeicittadini.it

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: