Home Approfondimenti Culturali Intervista a Marco Staffiero

Intervista a Marco Staffiero

di snanis


La Redazione di Argomenti, ha intervistato il giornalista Marco Staffiero, approfonditore sulla diffusione del Coronavirus.

Molto interessanti i suoi articoli sulla diffusione del Coronavirus. Virologi ed Immunologi hanno visioni contrastanti. Purtroppo i contagiati aumentano, la sua visione?

Il bello della “libertà” di parola. Purtroppo, come spesso accade fa comodo ascoltare soltanto una parte di scienziati…..Del resto tutti quelli che osano fare delle domande, che escono dal “coro” vengono chiamati complottisti. Tutto questo fa molto comodo. Parliamoci chiaro, la storia del pipistrello “untore”, rimane un racconto da libricino per bambini. Nessuno ci racconta cosa davvero è accaduto, accade e accadrà. Basta vedere le solite conferenze stampa pilotate, dove le domande si soffermano su una scontata risposta:quanti posti in terapia intensiva? Quanti guariti? Ecc. Per carità di importanza fondamentale, ma raccontateci cosa c’è e si nasconde dietro questo virus, che sta mettendo in ginocchio l’intero pianeta. Sono molte le tesi, che devono essere analizzate in profondità: dal traffico di virus, guerra batteriologica, 5G agli strumenti di controllo planetario della popolazione messi in atto dal virus stesso.

Siamo in una Terza guerra mondiale, l’economia globale, come reagirà l’economia stessa?

Quello, che accadrà a livello economico sociale, sarà una bomba ad orologeria. Girano già delle immagini (nel sud del paese) di gente, che senza soldi e salario, assalta i supermercati per mangiare. Sarebbe illusorio pensare che, passata l’epidemia, l’economia possa tornare come prima. Tra gli effetti dell’emergenza c’è l’esigenza di ripensare produzioni e consumi alla luce delle esigenze della salute e della sostenibilità ambientale. Un’altra crisi sanitaria che riceve pochissima attenzione in Italia è quella delle morti e degli infortuni sul lavoro; occorre spostarsi verso un sistema produttivo di maggior qualità, capace di provocare meno danni alla salute di lavoratori e cittadini. Le istituzioni, la politica stessa, dovrà fare delle scelte importanti e rivedere le varie alleanze nello scacchiere internazionale. L’Europa dei mercanti è arrivata al capolinea. Servono degli interventi mirati diretti, per far uscire subito l’Italia e non solo da una situazione di dopo guerra. Sembra assurdo,ma per risollevarci dovremmo ripensare ai dei modelli di vita dei nostri nonni.

Più volte nei suoi articoli, approfondisce l’avanzamento tecnologico. Sarà così?

Come ho annunciato prima, il 5G e la super tecnologia in questo contesto giocano un ruolo chiave. Oltre alle video lezioni on line, c’è qualcosa, che non passa inosservato. Sono tanti gli scienziati e non ad aver pensato che il virus si potrebbe essere diffuso a Wuhan in concomitanza con l’istallazione di 30.000 nuove antenne wireless di quinta generazione (3.000 nuove Stazioni Radio Base e ben 27.000 nuove mini-antenne a microonde millimetriche). La monumentale istallazione rappresenterebbe la più massiccia concentrazione al mondo di antenne pensata per accettare le sfide della digitalizzazione e un evento in particolare: i VII Giochi Mondiali Militari tenutisi a Wuhan nell’ottobre 2019. I giochi sarebbero stati potenziati proprio dal 5G, la Banda larga, ultralarga e di quinta generazione. In Italia la sperimentazione del 5G è partita da qualche mese in 120 comuni italiani, molti dei quali concentrati in Lombardia. (Avete capito bene Lombardia). Un giro d’affari enorme quello del 5G, con introiti stimati, per il 2026, pari a 1307 miliardi. Lo scienziato e giornalista Arthur Firstenberg già nel 2017 in The Invisible Rainbow, sosteneva che le grandi epidemie sono spesso concomitanti a importanti mutamenti artificiali dell’ambiente elettromagnetico. La documentazione sugli effetti biologici delle radiazioni microonde è molto vasta, raggiunge quasi i diecimila documenti. E gli organi più suscettibili includono cervello, polmoni, sistema nervoso, cuore, occhi e tiroide. Inoltre, studi clinici sugli effetti nocivi all’esposizione alle frequenze radio in uso (fino al 4G) sono ormai migliaia anche sugli animali e sulle piante e sempre più sentenze di tribunale sanciscono il nesso causale tra cancro ed elettrosensibilità. Oltre all’aumentato rischio di cancro anche stress cellulare, danni genetici, cambiamenti strutturali e funzionali del sistema riproduttivo, disturbi neurologici, deficit di apprendimento e memoria, cambiamenti ormonali. Per questo un appello sottoscritto da 170 scienziati, medici e organizzazioni ambientaliste di tutto il mondo chiede all’ONU, all’OMS, alle istituzioni dell’Unione Europea di bloccare lo sviluppo della tecnologia 5G, anche nello spazio, in attesa che si accertino i rischi per la salute dei cittadini. Nell’appello si legge che le strutture elettricamente conduttive dell’organismo umano possono trasportare correnti indotte dalle radiazioni all’interno del corpo. Ma le stesse cariche in movimento possono diventare delle piccole antenne che rilanciano il campo elettro-magnetico verso gli strati più profondi dell’organismo. Che dice Dott. Fiasco non è il caso di ascoltare questi scienziati per il bene della popolazione?

La sua passione per il giornalismo?

Una passione ed una missione. Ho una laurea in Scienze Politiche e dal 2009 sono iscritto all’Ordine dei Giornalisti del Lazio. Nel corso degli ultimi anni grande attenzione è stata rivolta verso le discipline olistiche e le medicine alternative, la  sana alimentazione e il benessere psico-fisico. Collaboro attualmente con il giornale on line “Il Format info”, occupandomi di salute, alimentazione, elettrosmog e malattie ambientali. Sono responsabile della rubrica Benessere e Salute del quotidiano on line “Il Mamilio”. Inoltre collaboro con “Il Giornale dello Yoga“ e “Yoga Magazine”.

Come passa le giornate ai tempi del Coronavirus?

Mia moglie da Medico specialista in Cardiologia è impegnata quasi tutti i giorni nella struttura ospedaliera dove lavora. Come spesso dico: va in trincea. Io lavorando da casa, mi occupo della famiglia e dei nostri bambini. Oltre a scrivere, studiare e leggere, grande spazio viene dedicato alla pratica dello Yoga e della meditazione. Dal 2017 sono Insegnate diplomato di Kundalini Yoga.

Obiettivi per il futuro?

Adesso vi parlo di cose belle (risata). I momenti difficili e gli esempi nella storia sono infiniti, offrono delle immense possibilità. Prima fra tutti in questo contesto una vera e propria rinascita spirituale. L’individuo “aiutato” dalla frenesia di una vita robotica si è perso, sprofondando nella depressione e nell’ansia. Qualcosa è andato storto. Solo per citare un dato: nelle farmacie di Milano (dati del 2017) vengono vendute 6.100 confezioni al giorno di farmaci per dormire. Per non parlare dell’utilizzo degli ansiolitici agli adolescenti, che secondo studi è aumentato negli ultimissimi anni del 60%. In un contesto del genere, l’individuo deve trovare la forza per rialzarsi e credetemi non esiste nessuna dinamica economica se prima non partiamo dal risveglio della nostra coscienza.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: