Home Approfondimenti Culturali Intervista ad Enrico Pausilli

Intervista ad Enrico Pausilli

di snanis


La Redazione di Argomenti, ha intervistato l’imprenditore Enrico Pausilli, titolare dell’attività Chicco Frascati, che gestisce insieme alla moglie Alessia. Le capacità imprenditoriali di entrambi hanno portato la Chicco Frascati, ad essere un punto di riferimento.

Abbiamo posto ad Enrico Pausilli, alcune domande sull’imprenditoria.

Dopo più di un anno di pandemia, ha resistito alle intemperie della crisi economica finanziaria. Come intenderà procedere?

Dopo più di un anno, purtroppo siamo ancora immersi in questa crisi. Nonostante questo, abbiamo mantenuto i numeri per poter superare questo periodo delicato. Nel frattempo abbiamo pensato anche ad eventuali programmi per il futuro che al momento facciamo fatica a portare a termine in quanto non sappiamo quando finirà questo momento così complicato. Viviamo un fatturato molto più basso rispetto al passato, ma è importante lavorare per rimanere in piedi.

Una Sua visione sul mondo del commercio. Come vede la ripresa commerciale?

Sono molto vicino alle attività che sono dovute rimanere chiuse. Turismo, alberghi, agenzie di viaggi, ristorazione, bar, eventi, ecc., penso che dopo un anno di pandemia, nonostante la gravità del virus, una chiusura non può
protrarsi per più di un anno, è impensabile proseguire con tali chiusure, in quanto impossibile mantenere in piedi determinate attività. Le attività produttive vivono di fatturato. In passato, pensare di rimanere chiusi tre
giorni o una settimana era impensabile, in quanto un’attività vive del fatturato di ogni giorno, figuriamoci dopo un anno. Chi governa doveva pensare ad un’alternativa. Occorreva mantenere le attività aperte con tutti gli accorgimenti e rispetto delle regole.

Tale pandemia, come cambierà la globalizzazione ed il mondo del mercato?

Secondo la mia umile visione, è già in atto un piccolo cambiamento. Qualsiasi cliente, visiona attraverso i siti internet l’interesse per i prodotti. I clienti, ad oggi acquistano attraverso tecniche online o addirittura effettuano ordini attraverso whatsapp. Immagino un connubio tra la ricerca online ed in presenza. Personalmente non amo acquistare attraverso il web, nello stesso tempo però, attraverso Internet, mi documento del prodotto ed arrivo ad effettuare l’acquisto con le idee
chiare. Anche presso le nostre attività, i clienti arrivano molto informati sugli acquisti dei prodotti. Internet deve essere da supporto al negozio fisico.
Il cliente non deve avere la percezione che l’acquisto attraverso Internet, sia migliore dell’acquisto presso il negozio.

Collaborare con Sua moglie e l’importanza della famiglia.

Alessia è parte integrante dell’attività ed è una grande risorsa, è fondamentale. Abbiamo una divisione di compiti, non entro nel merito di ciò che fa Lei e viceversa. Nello stesso tempo credo molto nei valori della famiglia, in quanto la famiglia è il fulcro di tutto. Sia i miei genitori che i miei suoceri, così come mio fratello, proveniamo da modelli imprenditoriali a conduzione familiare, ovviamente cresciuti negli anni ma sempre con la concezione della famiglia. Se ancora oggi, pur se in un
momento molto complicato, riusciamo a mantenere una certa tranquillità, è anche perchè la famiglia è stata sempre una spinta propulsiva.

Donald Trump, Silvio Berlusconi, Flavio Briatore, spiriti liberi con donne e famiglie allargate. Enrico Pausilli stabile o spirito libero?

(Sorriso…). Rispetto la vita altrui e lungi da me paragonarmi a tre grandi imprenditori, neanche effettuo un minimo confronto. Ognuno di noi ha una
visione di vita diversa. Può essere tutto vincente o perdente, occorre vedere come siamo noi stessi.

I Signori Enrico Pausilli ed Alessia Fornaciari da grandi?

(Sorriso…) Grazie a Dio abbiamo cercato sempre di mantenere uno spazio per la vita privata e con umiltà non ci siamo mai fatti mancare nulla.
Per quanto ci riguarda, possiamo stare bene anche una giornata al Tuscolo, ma ciò che ci piace è viaggiare, soprattutto lungo il nostro bel paese (Italia), speriamo ci siano presto le condizioni per ricominciare a farlo.
Cerchiamo di proseguire la nostra vita con serenità e soprattutto seguire nostro figlio Simone che è parte integrante della nostra vita. Lavorare insieme con Alessia, ci permette di dividere i compiti e di seguire nostro figlio. Siamo molti contenti di Simone, un ragazzo in gamba, sportivo e che studia volentieri. Crescerà ed è giusto che possa fare scelte in base alle sue caratteristiche purchè siano scelte giuste, sane e soprattutto oneste.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: