Home Approfondimenti Culturali La Cartolina Contro il Logorio della Vita Moderna

La Cartolina Contro il Logorio della Vita Moderna

di snanis

In questa cartolina pubblicitaria vediamo, in una bella cornice acquerellata, i protagonisti del film commedia

“Un uomo tranquillo”. Seduto su una sedia, riconosciamo una leggenda del cinema statunitense John Wayne,  in un elegante vestito da cerimonia, in piedi ammiriamo, in abito da sposa, l’affascinante protagonista femminile Maureen O’Hara con un bellissimo bouquet di fiori e sullo sfondo un incantevole paesaggio irlandese con il lago. Una scena che suscita sentimenti di una tranquilla e semplice esistenza.

Il film, diretto da John Ford fu presentato in concorso nella sezione ufficiale della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia.

Le riprese iniziarono nel 1951, tutte le scene all’aperto furono girate in Irlanda e gli interni negli Studios di

Hollywood. Il film vinse due Oscar, uno per la regia e l’altro per la fotografia, mentre la sceneggiatura fu scritta da Frank S. Nuget, ispirandosi a un racconto breve di Maurice Walsh.

Nella targhetta della cornice leggiamo: il titolo del film “ Un uomo tranquillo ” e il nome dei due protagonisti che invitano a partecipare al “Concorso Republic – Pezziol”.

Approfittando del connubio tra il titolo del film “Un uomo tranquillo” e la pubblicità del famoso amaro Cynar:

« Vuoi essere anche tu “ Un uomo tranquillo? ” – Non t’arrabbiare … e prendi un Cynar », la produzione cinematografica Republic Pictures e l’antica casa di distillati, fondata a Padova dal veneziano Gian Battista Pezziol, pensarono di creare una cartolina pubblicitaria per promuovere un concorso a premi, dove “Un uomo tranquillo” avrebbe sorteggiato due automobili Fiat Belvedere 500, una per il destinatario e l’altra per il mittente della cartolina che doveva essere affrancata e annullata dal timbro postale, prima del giorno 28 febbraio 1953. Condizione rispettata dal signor Paride Manerin di Pescara che spedì il cartoncino pubblicitario al signor Gaetano Palazzone dall’Ufficio Postale di Pescara-Ferrovia, in data 2 febbraio 1953.

Nel febbraio 1957 sul programma Nazionale televisivo, rigorosamente in bianco e nero, la trasmissione “Carosello” vide alternarsi una serie impressionante di personaggi e attori, e una sequenza di campagne pubblicitarie per il liquore “Cynar”. Credo che tra i tanti filmati, sia rimasto nel ricordo di tutti il siparietto del “Carosello” dove il protagonista, il famoso attore Ernesto Calindri, seduto davanti a un tavolino sistemato al centro di una strada di città, intensamente trafficata, sorseggiava con piacere un bicchierino di Cynar,  invitando a bere il famoso aperitivo a base di carciofo: « Cynar, contro il logorio della vita moderna ». Questo originale frammento di storia postale ci consente di capire l’importanza della pubblicità come arma efficace per far emergere sul mercato un prodotto. Sono passati quasi settant’anni e lo spot del Cynar è rimasto uno dei più longevi della pubblicità italiana, entrando a far parte del patrimonio linguistico nazionale.

Franco Minchella

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: