Home Approfondimenti Culturali MARTA D’ORAZIO E LE SUE DOLCI POESIE

MARTA D’ORAZIO E LE SUE DOLCI POESIE

di snanis

Certi giorni

Certi giorni la Natura chiama,
Sembra capì  che c’hai  bisogno de respiro,
Te accoglie come ‘na gran dama
E consola pure quarche tuo sospiro.

Te sussurra piano ” Nun te preoccupa’
E godite er silenzio,
Dalla bellezza mia fatte coccola’ “.

Sta là immobile,
Pur cambiando ogni istante,
Te sorride e te cura,
Te fa’ sentì meno pesante.

Poi te regala un cielo tutto colorato,
Un po’ de verde acceso
e un fiore ch’è sbocciato.

Ma, me domando spesso,
Nun te stanchi de splende così tanto?
Lei, risponde come a ‘n fesso,
“So’ i tuoi occhi che me guardano d’incanto”.

Che je dici a ‘sta natura maestosa?
Te posso prova’ a dedica’ du’ versi..
Che, magari, è già quarcosa.

Rimango immersa nel colore
Vivo a pieno ogni istante,
Te ringrazio del calore
E del tuo esser sì cangiante.

Te scrivo ‘ste parole
Che me volano da sole,
Te le dedico che sennò
Me se ‘ntorpisce er core.

Marta D.

Continua oscillazione

Stamattina n’ uccellino ha iniziato a canticchia’,
sembrava dimme: “fatte piu’ vicina e inizia a scrive tutto quello che te voglio racconta”.
Io, a bassa voce, j’ho sinceramente detto: “Senti, già non so tutta ‘sta normalità, non me posso mette pure co ‘n volatile a chiacchiera’”.

“Ti volevo solo dire”, sussurrava sottovoce, “che se guardi bene la Natura te insegna tante cose.
A cresce in mezzo a molte specie che fan l’Amore silenziose, a seguì un ritmo biologico che non sia lento..ma manco troppo veloce”.
Stavo là, ad ascolta’ zitta zitta ‘sta saggezza e me chiedevo come facesse n’uccellino de campagna a parla’ del grande gioco della Vita co’ tutta sta pienezza.

“Siete voi che ce sottovalutate” replicò lui, come avessi pensato ad alta voce
“Noi ascoltiamo in silenzio, mentre voi..parlate”.

“Signor volatile, se parla pure pe’ interagi’ co’ la gente, sennò diventa un film muto a cui sembra sempre manca’ qualcosa”.
“Eh, No!” me fece lui,
“Discorsi pieni de parole a volte non dicono proprio niente,
e certi silenzi -ragazza mia- c’hanno ‘na carica impetuosa.

Sta a voi tutti coglie il saggio in ogni piccolo particolare,
apprezza’ tutto ciò che arriva che, fidate, n’e’ mai banale”.
Restai in silenzio,che a ‘sto punto era meglio che parlare.

Ma il piccolo uccellino me guardava,
perche’ aveva capito che c’ avevo n’osservazione che proprio me premeva.
Lo sapeva, ma me lascio’ lo stesso replicare.

“Signor volatile, pure tra voi esseri della Natura c’è chi s’approfitta d’altre specie”.
“Ragazza mia, la Vita è comprensione
de ‘na completa alternanza tra opposti
e ‘na continua oscillazione.

Se non c’è il bello il brutto nun se pone,
se non c’è il silenzio non c’è il battito de ‘na canzone.
Se non c’è ego non c’è l’etereo,
se non c’è giudizio non c’è ricerca di lasciar solo fluire.

Vivi la pienezza dell’istante
Ed ogni tanto lascia sta’ la ragione.

Che er bello è pure questo:
respira’ a pieno e trova’ tutto un mondo dentro le persone”.

Poi me sorrise, e vedendo lo sguardo mio un po’ triste me sussurro’:
“Ci rivedremo, e c’accompagnerà la malinconia e la gioia de tutta n’emozione”.

Marta D.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: