Home Approfondimenti Culturali ROMA, FRASCATI, MARINO. COSA STA ACCADENDO NEL CENTRO DESTRA? PASSO INDIETRO DI GABRIELLA DE FELICE?

ROMA, FRASCATI, MARINO. COSA STA ACCADENDO NEL CENTRO DESTRA? PASSO INDIETRO DI GABRIELLA DE FELICE?

di snanis


In questi giorni negli ambienti della politica, si sta parlando dello strappo della Lega nei confronti degli alleati di Fratelli d’Italia e Forza Italia.

Uno strappo che nascerebbe per dissapori sulla Candidatura a Sindaco di Roma e non solo, riguarderebbe anche la Candidatura a Presidente della Regione Lazio, in caso di voto anticipato.

La Lega sembrerebbe non condividere l’atteggiamento della Meloni e così lo strappo politico, è arrivato anche sui territori Comunali di Frascati e Marino.

La situazione politica del Centrodestra frascatano, è in continua evoluzione, nonostante le smentite, Sabato scorso i tre partiti del Centrodestra, si sarebbero dovuti incontrare con i vertici sovracomunali e decidere il Candidato Sindaco.

Incontro fatto saltare dalla Lega che sembrerebbe essere pronta ad andare da sola con un proprio Candidato Sindaco.

Grande imbarazzo per Fratelli d’Italia Frascati e Forza Italia, che pensava di avere tutto il Centrodestra sotto controllo.

Un Centrodestra frascatano in grande difficoltà, ad oggi senza un programma elettorale e soprattutto senza un Candidato Sindaco.

 


Situazione caotica anche nel Comune di Marino per il Centrodestra.

Tutta la coalizione del Centrodestra marinese, sembrava pronta a sostenere Stefano Cecchi, sino ad oggi il Candidato Sindaco del Centrodestra.

Lo strappo della Lega, ha improvvisamente bloccato lo stesso Cecchi sull’ utilizzo dei simboli e si parla di un dialogo della Lega con la candidata Civica, Gabriella De Felice.

Secondo indiscrezioni della politica marinese, la Lega vorrebbe proporre alla De Felice, di andare in coalizione con Stefano Cecchi e nominarla in caso di vittoria con il ruolo di Vice Sindaco.

Difficile che la De Felice possa accettare tale passo indietro.

I Comuni di Frascati e Marino, stanno dimostrando molte difficoltà politiche soprattutto nell’ area del Centrodestra.

La classe dirigente locale, deve dare prova di camminare con le proprie gambe e non venerare i vertici sovracomunali i quali utilizzano l’ area dei Castelli Romani, come serbatoio di voti e poi sparire.

Una figura esperta come Stefano Cecchi, doveva recarsi a Roma e dire ai vertici sovracomunali, tenetevi i simboli ed ognuno per la propria strada.

La candidatura della De Felice è nata civica? Deve proseguire civica e dire ai vertici sovracomunali del Centrodestra che non vuole avere nulla a che fare con tali soggetti.

Si chiama sovranità territoriale, soprattutto con tali vertici sovracomunali è preferibile non avere nulla a che fare.

Www.argomentilavocedeicittadini.it

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: