Home Approfondimenti Culturali Le poesie di Marta D’Orazio

Le poesie di Marta D’Orazio

di snanis

Pure io co’ la mia piccola esperienza,
ho capito che se scrive perchè se ha impellenza, certe volte così pe’ coincidenza,
tante altre pe’ sopperì a n’assenza.
Quando ‘e parole decidono de fasse strada nella mente, c’hai poco da sta là a dì
“Silenzio! Non me va de pensà a niente”. Le parole sò come er vento,
e non perchè sò leggere,
ma per quel colore che sembra quasi argento, e perchè arrivano così, co’ tutto ‘sto fermento.
Alle parole non puoi dì
“Aspetta là, mo te appunto”,
quelle ridono e te fanno
“Si, poi te famo pure ‘n bel riassunto”.
Se poi ce metti che quando scrivi
‘na persona ce l’hai sempre ben presente, è inutile che te privi de creà,
le parole c’hanno ‘n battito crescente.
C’ho provato a parlà col foglio bianco: “A narra’ non me posso sentì stanco”. Ma ogni tanto me guarda pe’ traverso, come a dì “Si,ma sbrigate a scrive n’altro verso”.
Quanti pensieri ha visto nasce ‘n foglio bianco, tanti che non li posso immaginà nemmanco.
E allora me tocca daje retta,
e corregge qua e là qualche rima ch’è scorretta, qualche frase che è davvero ‘n pò imperfetta.
Poi però me guarda,
così pieno de inchiostro e de colore,
e come ‘n maestro me lo perdona qualche errore.
E, alla fine, me sussura pieno de tremore: “Ma lo sai che me fai batte forte er core?”
Marta D.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: